venerdì, maggio 25Menu veloce

Leggi di Murphy per l’Informatica – 1

di Claudio Gasparini

Premessa

La legge originale di Murphy recita:” Se qualcosa può andare male, lo farà.” In questa nuova Collezione di Leggi di Murphy per l’Informatica, la prima legge di Murphy aggiornata è la seguente: ” Se nulla può andare male, lo farà.”

Nell’informatica ci sono molte leggi non scritte che sono il distillato di conoscenza empirica frutto di anni di sudata esperienza e di tragiche catastrofi nel tentativo di riparare i disastri creati dai PC. Conoscere queste leggi facilita la vita e fa risparmiare gastriti e incazzature memorabili.

Una delle prime leggi che devi conoscere è la seguente: la prima volta non funziona mai e sicuramente anche la seconda volta.

Qualunque sia il tema della tua ricerca, se ha a che fare con l’informatica, la prima volta nulla andrà per il verso giusto. E di solito tutto procederà senza problemi fino alle ore 17 del venerdì.

Allora tutto andrà male allo stesso tempo, ma con l’aria di andare bene. E tutti i piani di emergenza predisposti con la massima lungimiranza e cura, visto che allora serviranno, ovviamente non funzioneranno.

Nei momenti di massimo stress puoi verificare che sotto pressione tutto si squaglia e che la peggior combinazione possibile avviene quando meno te l’aspetti e che si rompe sempre quella cosa che è più costosa e che fa maggiori danni.

Se sei preparato ad ogni evenienza, devi sapere che quello che hai previsto non avverrà mai, mentre si romperà quello che si era appena rotto.

Nulla è facile come sembra, ma se nulla può andare male, lo farà di sicuro.

Mai dire “E’ impossibile”: per il fatto stesso che una cosa esiste, si romperà di sicuro.

I peggiori disastri sono accaduti dopo che uno aveva detto:” E’ solo questione di cinque minuti”.

Solo quello che non esiste è sicuro e solo quello che non esiste non si rompe.

Quando fai una domanda assicurati di essere in grado di comprendere la risposta e comunque sappi che nell’informatica essere pazzi non è necessario, ma aiuta.

Ogni soluzione crea più problemi di quelli che risolve, ogni imbecille ha una soluzione per ogni problema e se una soluzione funziona bene, comincia a preoccuparti.

Comunque, per consolarti, quando capirai che la soluzione era sbagliata, sarà troppo tardi.

Da ultimo ti può essere d’aiuto sapere che l’intelligenza è l’unica cosa che non si può aumentare neppure con il silicone, altrimenti sarebbe intelligenza artificiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.